• Home
  • Curiosità
  • In passato, le adulterazioni erano punite con la morte

In passato, le adulterazioni erano punite con la morte

Durante il Medioevo, chiunque veniva sorpreso ad adulterare lo zafferano con ingredienti meno preziosi veniva bruciato vivo. 

Nella Norimberga quattrocentesca e sotto il regno di Enrico VIII in Inghilterra, adulterare lo zafferano mischiandolo con qualcos’altro era un reato passibile della pena capitale. 

Gli accusati venivano bruciati sul rogo o sepolti vivi con i loro prodotti illegali. 

Non perché esistesse una particolare attenzione alla qualità, ma perché la spezia veniva usata anche come merce di scambio, cosmetico e tintura per colorare vestiti e tessuti.

Ancora oggi viene spesso adulterata o mescolata a surrogati: il migliore di questi è senz’altro il cartamo, che viene anche chiamato “zafferano falso” o “zafferano bastardo”.